Questa settimana sono lieto di presentarvi il fumetto che io e le mie care amiche Remedios Cortese, Tonia Principe e Giulia Brancato abbiamo creato per la competizione di comunicazione scientifica su Lifeology.

Signore e signori, eccovi TOXO RULEZ!:

Come abbiamo ideato questo fumetto?

Per prima cosa siamo partiti dal tema della competizione: “Più piccolo di ciò che l’occhio può vedere!”. Abbiamo deciso all’unanimità di basare il fumetto su un microbo. Inoltre, dovevamo cucirci intorno una storia coinvolgente.

Ma quale microbo scegliere? Per deformazione professionale, ho proposto uno di quei parassiti che manipolano il comportamento dei loro ospiti. Personalmente, questo fenomeno mi ha sempre affascinato e anche un po’ inquietato. Il problema è che molti di questi “manipolatori” sono sconosciuti ai più e hanno dei cicli vitali molto complessi, un aspetto che ci avrebbe creato problemi vista la necessità di condensare la storia in sole quattro scenette.

Alla fine abbiamo scelto come protagonista Toxoplasma gondii: si tratta di un patogeno abbastanza conosciuto e il suo ciclo vitale non è troppo convoluto. È stato relativamente facile quindi focalizzarci sul fatto che Toxoplasma modifica il comportamento dei roditori che infetta rendendoli più “avventurosi” nei confronti di uno dei loro predatori naturali, il gatto (che è anche l’ospite definitivo in cui il parassita deve arrivare).

Ma il Toxoplasma modifica anche il nostro comportamento?

I meccanismi con cui questo parassita agisce sul cervello dei roditori sono stati oggetto di diversi studi, ma la domanda è….il Toxoplasma modifica anche il comportamento delle persone?

La risposta (come spesso accade nella scienza) è….forse. Pubblicherò un pezzo proprio su questo argomento in futuro, ma nell’attesa potete godervi questo divertente video.

Io, Remedios, Tonia e Giulia facciamo parte di una nuova associazione di comunicatori scientifici, la Lampada delle Scienze. Seguiteci su Youtube, Instagram e Facebook 😉

Clicca qui per la versione inglese.